Stampante 3D resina: le migliori economiche

Ultimo aggiornamento

In questo articolo elencherò la migliore stampante 3D resina economiche che non abbiamo preso in esame nell’articolo precedente sulle stampanti 3D a filamento.

Stampante 3D a resina: come funziona

Il principio di funzionamento è quello della fotopolimerizzazione in vasca ed è una tecnica che può utilizzare la luce che sia essa visibile oppure ultravioletta. La luce reagisce con la resina liquida contenuta nella stampante che diventa solida solo dove noi vogliamo creando il nostro oggetto.

Le 3 migliori stampanti 3D a resina

Occasioni Shopping ha scelto tra le migliori stampanti 3D a resina la ELEGOO MARS UV.

ELEGOO stampante 3D MARS UV

Questa stampante DLP ha uno schermo LCD da 2560×1440 ed è dotata di un ottimo programma PC di slicing chiamato CHITUBOX. Successivamente, dopo aver creato il nostro oggetto, possiamo utilizzare una chiavetta USB per riprodurre il nostro oggetto.

CARATTERISTICHE

Tecnologia di stampaDLP
Sorgente luminosaLuce UV
ConnettivitàUSB
Risoluzione Stampa2560×1440
Precisione asse Z0,000125mm
Velocità di stampa22,5mm/h
Dimensioni di stampaLungh.: 12cm – Largh.: 6,8cm – Alt.: 15,5cm

PRO

  • Ottima risoluzione di stampa
  • Livellamento piatto molto semplice
  • Qualità costruttiva ottima
  • Il piatto si serra con una sola vite su una sfera per eseguire il livellamento.

CONTRO

  • Ventola di raffreddamento un po’ rumorosa

Anycubic stampante 3D Photon

Stampante DLP con risoluzione di stampa di 2560×1440 che ci permette di avere sempre stampe molto dettagliate. Ha una procedura di livellamento del piatto facilitata.

CARATTERISTICHE

Tecnologia di stampaDLP
Sorgente luminosaLED UV
ConnettivitàUSB
Risoluzione Stampa2560×1440
Precisione asse Z0,000125mm
Velocità di stampa20mm/h
Dimensioni di stampaLungh.: 11,5cm – Largh.: 6,5cm – Alt.: 15,5cm

PRO

  • Alta qualità e risoluzione di stampa
  • Ottimi materiali costruttivi
  • Livellamento del piatto molto semplice grazie ad una sola vite su una sfera

CONTRO

  • Poca protezione dai fumi della resina durante la stampa
  • Problemi di aderenza delle stampe sul piatto a causa della superficie troppo liscia

Longer stampante 3D Orange 10

Stampante che utilizza la Stereolitografia e la sua risoluzione di stampa, volendola paragonare alle altre due già viste, è un po’ inferiore. Nel complesso è comunque un’ ottima stampante per chi vuole stampe di ottima qualità.

CARATTERISTICHE

Tecnologia di stampaSLA
Sorgente luminosaLuce UV
ConnettivitàUSB
Risoluzione Stampa854×480
Precisione asse Z0,00010mm
Velocità di stampa30mm/h
Dimensioni di stampaLungh.: 9,8cm – Largh.: 5,5cm – Alt.: 14cm

PRO

  • Stampe dettagliate
  • Facilità di assemblaggio

CONTRO

  • Necessario il serraggio di 4 viti di regolazione per livellare il piatto che ne potrebbero pregiudicare il livellamento in fase di settaggio

I vari tipi di stampe

Abbiamo sostanzialmente tre tipi differenti di stampanti 3D a resina. Il principio di funzionamento è pressoché identico, quello che varia è l’utilizzo della luce.

Stampante 3D SLA: come funziona

Questa tecnologia solidifica la resina strato per strato facendola diventare plastica dura utilizzando un laser fino a quando il nostro modello non sarà pronto. Queste stampanti 3D funzionano immergendo il piano di stampa completamente nel serbatoio pieno di resina attraverso un ascensore che, man mano che la luce del laser indurirà la resina, salirà sempre di più facendo apparire il nostro oggetto fino al suo completamento.

Con questa tecnologia possiamo creare prototipi molto precisi e con superfici molto lisce senza quelle imprecisioni che invece troviamo nella stampa 3D a filamento. Abbiamo una vasta selezione di resine che vanno da quelle più morbide a quelle più rigide che possono essere anche integrate con materiali dalle caratteristiche meccaniche più performanti. Ci sono resine che, se cotte dopo il processo di stampa, diventano come ceramica. I campi per utilizzare questo tipo di stampa 3D sono molteplici e vanno dalla medicina alla gioielleria, alla produzione in-house di piccoli oggetti o componenti meccanici ecc.

Stampante 3D DLP: come funziona

La stampa 3D DLP è molto simile alla SLA e la differenza sostanziale sta nella fonte di luce utilizzata per catalizzare la resina. Nella stampa DLP la sorgente luminosa è generata da un proiettore HD che proietta le immagini del nostro oggetto da stampare “affettate” dal nostro software di slicing livello per livello indurendo la resina. Maggiore sarà la risoluzione di queste immagini proiettate e maggiore sarà il grado di dettaglio e di precisione dell’oggetto che stamperemo. I campi di utilizzo di questo tipo di stampanti è praticamente identico alla tecnologia SLA.

Stampante 3D a resina o filo?

Le differenze tra una stampante 3D a resina ed una stampante 3D a filamento è, oltre al materiale utilizzato per effettuare le stampe, quello che l’unico asse mobile è quello dell’altezza ossia l’asse Z perchè gli strati di stampa vengono creati immediatamente dall’indurimento della resina esposta alla luce. Nelle stampanti a filamento l’estrusore deve “stendere” il filamento riscaldato e sciolto in base alle istruzioni del programma di slicing muovendosi sugli assi X e Y dello spazio e successivamente sullo Z quando ha terminato il livello.

Consigli sulla pulizia e manutenzione

Stampare in resina significa anche avere molta cura della nostro apparecchio. La pulizia delle stampanti SLA e DLP è identica per entrambe. Si utilizza principalmente alcool isopropilico che è utilizzato per pulire tutti i componenti della stampante che sono stati a contatto con le resine e per pulire l’oggetto che abbiamo creato.

Dovremo recuperare, svuotando il serbatoio, anche la resina che è avanzata terminato il processo di stampa. Potremo riversarla nella sua bottiglia utilizzando degli imbuti dotati di filtro che trattengono eventuali parti solide presenti nella resina liquida.

Il fondo del serbatoio è trasparente e per preservarlo si applica sopra una pellicola trasparente chiamata FEP che bisogna sostituire ogni certo numero di stampe altrimenti la resina col tempo tenderà ad opacizzarla e le nostre stampe non saranno più di buon livello.

Le coperture trasparenti di queste stampanti sono schermate per non far passare i raggi UV, che sono quelli che induriscono la resina, all’interno dell’area di stampa. Consiglio di utilizzare per quanto possibile questo tipo di stampanti in un posto poco illuminato proprio per evitare che ci siano reazioni della resina non volute.

Un trucco per indurire ulteriormente il nostro oggetto creato è quello di metterlo dopo la pulizia sotto una lampada UV o in un fornetto UV per unghie. Niente però ci vieta di farli indurire alla luce del sole se abbiamo un posto ben soleggiato dove appoggiarli.

Protezione individuale: i problemi della stampa a resina

Una cosa molto importante da dire è che per fare tutte queste procedure di pulizia bisogna usare tutti i dispositivi di protezione individuale previsti come Guanti in lattice/nitrile, mascherina e occhiali protettivi perchè sia l’alcool per la pulizia che è molto volatile sia la resina sono molto tossici e la resina riscaldandosi produce vapori dannosi per l’organismo. Non è consigliato utilizzare questo tipo di stampanti in ambienti poco areati.

Se invece siete interessati alla stampa con filamento potete dare un’occhiata alle migliori stampanti 3D economiche.

Dai la tua valutazione
product image
Valutazione Occasioni Shopping
1star1star1star1star1star
Valutazione
5 based on 1 votes
Brand
ELEGOO
Nome prodotto
MARS UV